•  

    Piazza Cavour, 23 - 60121 Ancona


ESITO DEL SORTEGGIO DEI MAG PER L’ELEZIONE DIRETTA DEI SINDACI E DEI CONSIGLI COMUNALI NONCHÉ DEI CONSIGLI CIRCOSCRIZIONALI INDETTA PER I GIORNI 8 E 9 GIUGNO 2024.


ORDINE DI ESTRAZIONE CONCERNENTE I MESSAGGI POLITICI AUTOGESTITI A TITOLO GRATUITO (MAG) CONCERNENTI LA CAMPAGNA PER L’ELEZIONE DIRETTA DEI SINDACI E DEI CONSIGLI COMUNALI NONCHÉ DEI CONSIGLI CIRCOSCRIZIONALI INDETTA PER I GIORNI 8 E 9 GIUGNO 2024.


 
28 maggio 2024 (ultimo aggiornamento 3 giugno 2024)

CONSULTAZIONE ELETTORALE PER L’ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI ALL’ITALIA E PER L’ELEZIONE DIRETTA DEI SINDACI E DEI CONSIGLI COMUNALI NONCHÉ PER L’ELEZIONE DEI CONSIGLI CIRCOSCRIZIONALI FISSATE PER SABATO 8 E DOMENICA 9 GIUGNO 2024


CONSULTAZIONE ELETTORALE PER L’ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI ALL’ITALIA E PER L’ELEZIONE DIRETTA DEI SINDACI E DEI CONSIGLI COMUNALI NONCHÉ PER L’ELEZIONE DEI CONSIGLI CIRCOSCRIZIONALI FISSATE PER SABATO 8 E DOMENICA 9 GIUGNO 2024

Visto il decreto del Presidente della Repubblica del 10 aprile 2024 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana il 11 aprile 2024 , con il quale è stata fissata la data delle consultazioni per l’elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia e per l'elezione diretta dei Sindaci e dei Consigli comunali nonché per l'elezione dei Consigli circoscrizionali per i giorni di sabato 8 e domenica 9 giugno 2024, si ricorda che a partire dal 11 aprile 2024 e fino alla chiusura delle operazioni di voto, che in caso di eventuale turno di ballottaggio per l’elezione diretta dei Sindaci cade il 24 giugno 2024, si devono osservare le principali disposizioni che regolano la comunicazione politica, l’accesso ai mezzi d’informazione e più in generale le attività di propaganda elettorale:

  • legge 22 febbraio 2000, n. 28 (Disposizioni per la parità di accesso ai mezzi di informazione durante le campagne elettorali e referendarie e per la comunicazione politica);

  • decreto ministeriale 8 aprile 2004 (Codice di autoregolamentazione in materia di attuazione del principio del pluralismo, sottoscritto dalle organizzazioni rappresentative delle emittenti radiofoniche e televisive locali, ai sensi dell’art. 11-quater, comma 2, della L. 22 febbraio 2000, n. 28, come introdotto dalla L. 6 novembre 2003, n. 313);

  • delibera AGCOM n. 90/24/CONS del 12 aprile 2024 (Disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di parità di accesso ai mezzi di informazione relative alla campagna per l’elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia fissata per i giorni 8 e 9 giugno 2024).

  • delibera AGCOM n. 122/24/CONS del 30 aprile 2024 (Disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di parità di accesso ai mezzi di informazione relative alle campagne per l’elezione diretta dei Sindaci e dei Consigli comunali nonché dei Consigli circoscrizionali fissate per i giorni 8 e 9 giugno).

In particolare, per le attività di informazione e comunicazione svolte dalle pubbliche amministrazioni, per le cui attività vengono utilizzati mezzi, risorse, personale e strutture assegnati alle medesime per lo svolgimento delle proprie competenze, vige, ai sensi dell’articolo 9 della citata legge 28/2000 il divieto di svolgere “attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l’efficace assolvimento delle proprie funzioni”.

Tale divieto può essere eccezionalmente derogato nei casi in cui l’attività di comunicazione sia caratterizzata contemporaneamente dai due requisiti: dell’“impersonalità” e dell’“indispensabilità”. In altri termini l’attività di comunicazione dell’Ente è resa legittima esclusivamente dalla presenza dei su citati requisiti, laddove l’indispensabilità ricorre quando le attività di comunicazione sono riconducibili alla gestione amministrativa ovvero sono strettamente necessarie e non differibili (i cui effetti, dunque, risulterebbero compromessi da uno spostamento temporale) mentre l’impersonalità richiede che la comunicazione non sia riconducibile ad un soggetto determinato o determinabile ma sia percepita come proveniente dall’attività istituzionale dell’Amministrazione al fine di evitare che possa sovrapporsi e interagire con l’attività di comunicazione svolta dai soggetti politici.

Pertanto allorquando la comunicazione istituzionale durante il periodo elettorale, sia indispensabile e indifferibile essa deve anche essere effettuata in forma impersonale, non deve recare cioè il logo dell’Amministrazione ma esclusivamente gli eventuali strumenti di comunicazione informativa (sito internet, numero verde, etc.) necessari a veicolare l’iniziativa.

  • MODELLO MAG/1/EC:  Richiesta di adesione delle emittenti alla trasmissione dei messaggi autogestiti gratuiti relativi alle campagne per l’elezione diretta dei Sindaci e dei Consigli comunali, nonché dei Consigli circoscrizionali, fissate per i giorni 8 e 9 giugno 2024

  • ELENCO ENTI: Elenco dei comuni interessati alle consultazioni elettorali amministrative del primo semestre del 2024


 
12 aprile 2024 (ultimo aggiornamento 6 maggio 2024)


MEDIA EDUCATION

Vivere onlife se ne parla all'Istituto tecnico Gentili di Macerata - interventi della Presidente del Corecom Marche Cinzia Grucci, della docente Red Silvia Alessandrini Calisti e della dirigente Alessandra Gattari

0

Istanze di conciliazione

0

Istanze di definizione

0

Provvedimenti temporanei

0

udienze

Ultimo aggiornamento 10/06/2024

 dove siamo

Il Corecom Marche - Comitato Regionale per le Comunicazioni delle Marche si trova a Palazzo delle Marche ad Ancona in piazza Cavour 23 presso l'Assemblea Legislativa delle Marche.