CORECOM, ATTRAVERSO LE CONCILIAZIONI RISPARMIATO OLTRE UN MILIONE DI EURO
SERVIZI EROGATI




NOTIZIE IN PRIMO PIANO
CORECOM, ATTRAVERSO LE CONCILIAZIONI RISPARMIATO OLTRE UN MILIONE DI EURO
Resoconto e programma annuale presentati a Palazzo delle Marche dai Presidenti di Consiglio, Antonio Mastrovincenzo, e Comitato, Cesare Carnaroli. Accessibilità e fruibilità dei servizi, semplificazione amministrativa e qualificazione del personale. Mastrovincenzo: “Nuove funzioni sulla problematica del cyberbullismo attraverso una proposta di legge”. Trasmissioni televisive per le zone terremotate.
Conferenza stampa

Avvicinarsi sempre di più al territorio ed ai cittadini, migliorando l’accessibilità e la fruibilità dei propri servizi e procedendo contestualmente alla semplificazione amministrativa ed alla qualificazione del personale. E’ uno degli obiettivi primari che hanno evidenziato il Presidente del Consiglio, Antonio Mastrovincenzo, e quello del Corecom (Comitato regionale per le comunicazioni), Cesare Carnaroli, presentando a Palazzo delle Marche il consuntivo 2016 ed programma delle attività per il 2017 dello stesso Comitato.

Ma al centro dell’attenzione sono stati annoverati anche i positivi risultati conseguiti nell’ambito dell’attività per la soluzione dei contenziosi tra gestori dei servizi di telecomunicazioni e utenti. Le conciliazioni hanno conosciuto un progressivo e rapido trend di crescita per quanto riguarda le istanze presentate. La percentuale di accordi raggiunti in udienza si è assestata intorno al 75%. Nel corso del 2016 si sono tenute 2.355 udienze, con un incremento di 527 rispetto al precedente anno. Complessivamente al 31 dicembre dello scorso anno il beneficio economico per famiglie ed aziende marchigiane è stato pari a 1.027.448,41 euro (666.816,75 sul fronte delle conciliazioni, 360.631,66 per le definizioni). Significativo anche il dato riferito ai provvedimenti d’urgenza, che nel 2016 sono stati 224.

Altri progetti in cantiere per il futuro, quelli legati al contrasto del cyberbullisno. Il Presidente del Consiglio, Antonio Mastrovincenzo, che è anche delegato per le comunicazioni ed i Corecom in seno all’Assemblea dei Presidenti dei Consigli regionali, ha annunciato la presentazione di una proposta di legge che fornirà al Corecom delle Marche nuove funzioni.
“Andremo ad intervenire – ha sottolineato – nell’ambito della formazione, dell’informazione e della sensibilizzazione, rivolgendoci soprattutto agli studenti, ai docenti ed alle famiglie”.

Un’altra importante novità, riguarderà i comuni colpiti dal terremoto. “Attraverso un accordo con il direttore di Rai Marche – ha evidenziato Carnaroli – riprenderemo ad utilizzare i programmi dell’accesso, finalizzando le trasmissioni proprio alle esigenze degli enti locali che sono attualmente collocati nel cratere. Il prossimo 8 maggio, inoltre, ci sarà a Perugia un incontro tra i Corecom di Marche, Umbria e Lazio per l’avvio delle Tv di comunità. L’obiettivo è quello di realizzare video che riguardino il terremoto, con la collaborazione dell’emittenza locale”.

Complessivamente il programma annuale del Corecom si sviluppa in tre macro aree che vanno ad interessare le funzioni proprie dell’organismo, quelle delegate ed altri progetti inerenti diversi settori.

Tra le funzioni proprie, attribuite dalla normativa nazionale e regionale, il controllo dell’emittenza per il rispetto della “par condicio” in campagna elettorale e referendaria; la possibilità di formulare proposte in ordine all’assegnazione e ripartizione delle frequenze, nonché nella più vasta problematica delle comunicazioni; l’istruttoria per la concessione dei contributi statali e regionali all’emittenza locale.
Nel corso del tempo all’organismo sono state attribuite funzioni delegate che vanno ad interessare, tra l’altro, il monitoraggio delle emittenti televisive ed, appunto, il contenzioso tra gestori dei servizi di telecomunicazioni e utenti.

A.Is.

(13/04/2017)